Forma impersonale e forma passiva

La forma impersonale e la forma passiva sono le prove più importanti da superare nella conoscenza di una lingua. Questa guida ti aiuterà a memorizzare queste forme grammaticali e ad imparare ad utilizzarle.

La forma impersonale

La forma impersonale esprime azioni generali.
Tutti i verbi, sia transitivi che intransitivi, hanno la forma impersonale.

Si forma così:

si o uno + terza persona singolare del verbo

  • A Pasqua si mangia l’uovo di cioccolato
  • In biblioteca si legge, si studia e si parla a bassa voce
  • In montagna si scia, si cammina e si gioca con la neve
  • In classe uno legge ad alta voce
  • A Firenze uno va per musei
I verbi meteorologici sono sempre utilizzati in forma impersonale, ciò significa alla terza persona singolare.
  • Stasera diluvia, stiamo a casa
  • Oggi non piove, ma grandina
  • Sulle Alpi nevica già
  • Fa caldo o fa freddo in autunno a Firenze?
  • Nel fine settimana farà bello, possiamo fare una passeggiata

Con alcuni verbi come essere, diventare, sembrare, restare si usano gli aggettivi al plurale:

Si + essere/ diventare/ sembrare/ restare (terza persona singolare) + aggettivo plurale

  • Quando si è contenti, si lavora meglio
  • Se si studia molto, si diventa bravi
  • Si sembra pazzi quando si  è innamorati
  • Si resta attoniti dopo avere visto un incidente
Presta attenzione! Il plurale degli aggettivi non si usa nelle costruzioni con “uno
  • Uno è stanco dopo una settimana di lavoro
  • Uno diventa matto se fa due lavori

La forma impersonale dei verbi riflessivi

La forma impersonale dei verbi riflessivi si forma in due modi:

Ci o uno + si + verbo (terza persona singolare)

  • Sposarsi → ci si sposa / uno si sposa
  • Vestirsi → ci si veste/ uno si veste
  • Alzarsi → ci si alza/ uno si alza

Nota:

  • La domenica mattina ci si sveglia tardi = La domenica mattina uno si sveglia tardi
  • In vacanza ci si rilassa = In vacanza uno si rilassa
  • Quando si guarda un film comico, ci si diverte = Uno si diverte quando guarda un film comico

La forma impersonale al passato prossimo

Per usare la giusta forma al passato prossimo, è necessario ricordare il giusto ausiliare, essere o avere. Ricorda che il verbo essere deve essere necessariamente accordato con il soggetto, quindi può essere singolare, plurale, femminile o maschile.

Si + è + participio passato

Verbi che hanno avere come ausiliare al passato prossimo (verbi transitivi)

  • LEGGERE → Si legge → Si è letto molti libri
  • MANGIARE → Si mangia → Si è mangiato molto durante le feste
  • STUDIARE → Si studia → Si è studiato molto prima dell’esame

Verbi che hanno essere come ausiliare al passato prossimo (verbi di movimento, verbi di stato o di cambiamento, verbi riflessivi):

  • ANDARE → Si va → Si è andati/e per musei
  • DIVENTARE → Si diventa → Si è diventati/e matti/e a cercare il regalo giusto per Giulia
  • SVEGLIARSI → Ci si sveglia → Ci si è svegliati/e presto
  • ALLENARSI → Ci si allena → Ci si è allenati/e molto in vista della finale

La forma passiva

Solo i verbi transitivi, ovvero che quelli che rispondono alla domanda “chi o cosa?”, hanno una forma attiva (il soggetto compie l’azione) e una forma passiva (il soggetto subisce l’azione).

In più, nella forma passiva, chi compie d’azione può essere introdotto dalla preposizione da, altre volte invece può essere omessa.

La forma passiva si può costruire in diversi modi, a seconda del senso della frase:

  • essere + participio passato
  • venire + participio passato
  • si + terza persona singolare o plurale
  • andare  + participio passato

PRESENTE

Attivo: L’insegnante spiega la grammatica.
Passivo: La grammatica è/viene spiegata dall’insegnante.

PASSATO PROSSIMO

Attivo: L’insegnante ha spiegato la grammatica.
Passivo: La grammatica è stata spiegata dall’insegnante.

Nota la differenza: la forma impersonale “si”  ha solo la forma singolare, la forma passiva “si” può avere l’oggetto singolare o plurale. 

“Si” come voce passiva:

Oggetto singolare: A Firenze si studia la lingua italiana. / A Natale si mangia molto.
Oggetto plurale: A Firenze si visitano i musei.A Natale si mangiano tanti dolci.

La forma passiva con il verbo essere

La costruzione essere + participio passato può essere utilizzata con tutti i tempi verbali, sia semplici che composti.

Il verbo essere si coniuga con lo stesso tempo verbale della frase attiva e si coniuga secondo il participio passato.

Inoltre, con questa costruzione, la persona o l’oggetto che compie l’azione può essere specificato e può essere preceduto dalla preposizione da.

PRESENTE

  • La polizia controlla i documenti delle persone sospette.
    Passivo 🡒 I documenti delle persone sospettate sono controllati dalla polizia.
  • Il sole abbronza la pelle dei contadini.
    Passivo 🡒 La pelle dei contadini è abbronzata dal sole.
  • La pioggia bagna l’asfalto.
    Passivo 🡒 L’asfalto è bagnato dalla pioggia.

PASSATO PROSSIMO

  • Botticelli ha dipinto questo quadro.
    Passivo 🡒 Questo quadro è stato dipinto da Botticelli.
  • L’acqua del mare ha schiarito i miei capelli.
    Passivo 🡒 I miei capelli sono stati schiariti dal mare.
  • Hanno scambiato le loro valigie per errore.
    Passivo 🡒 Le loro valigie sono state scambiate per errore.

IMPERFETTO

  • I suoi contemporanei soprannominavano Lorenzo de’ Medici “il Magnifico”.
    Passivo 🡒 Lorenzo de’ Medici era soprannominato “il Magnifico” dai suoi contemporanei.
  • Gli studenti aspettavano i risultati dell’esame.
    Passivo 🡒 I risultati dell’esame erano attesi dagli studenti.
  • La presenza del direttore intimoriva Claudia.
    Passivo 🡒 Claudia era intimorita dalla presenza del direttore.

TRAPASSATO PROSSIMO

  • L’acqua aveva arrugginito tutti gli ingranaggi.
    Passivo 🡒 Tutti gli ingranaggi erano stati arrugginiti dall’acqua.
  • Claudio mi aveva regalato un anello.
    Passivo 🡒 Un anello mi era statregalato da Luca.
  • Marco aveva studiato tutti i libri.
    Passivo 🡒 Tutti i libri erano statstudiati da Marco.

FUTURO SEMPLICE

  • Zubin Mehta dirigerà il prossimo concerto.
    Passivo 🡒 Il prossimo concerto sarà diretto da Zubin Mehta.
  • Le lacrime di Paolo non commuoveranno nessuno.
    Passivo 🡒 Nessuno sarà commosso dalle lacrime di Paolo.
  • Il professore preparerà il compito in classe.
    Passivo 🡒 Il compito in classe sarà preparato dal professore.

FUTURE ANTERIORE

  • A quest’ora Luca avrà completato quel lavoro.
    Passivo 🡒 A quest’ora quel lavoro sarà statcompletato da Luca.
  • La mia ragazza avrà preparato la cena.
    Passivo 🡒 La cena sarà statpreparata dalla mia ragazza.
  • I miei amici avranno compreso il problema.
    Passivo 🡒 Il problema sarà statcompreso dai miei amici.

La forma passiva con il verbo venire

Si forma con venire + participio passato.

Questa costruzione può essere utilizzata solo con i tempi semplici (presente, imperfetto, futuro ecc.) e non può essere utilizzato con i verbi composti (passato prossimo, futuro anteriore, più che perfetto). Ricorda sempre la coniugazione con il participio passato.

Come le costruzioni con il verbo essere, il verbo venire deve necessariamente essere coniugato nello stesso modo delle frasi attive.

PRESENTE

  • La polizia controlla i documenti delle persone sospette.
    Passivo 🡒 I documenti delle persone sospettate vengono controllati dalla polizia
  • Il sole abbronza la pelle dei contadini.
    Passivo 🡒 La pelle dei contadini viene abbronzata dal sole
  • La pioggia bagna l’asfalto.
    Passivo 🡒 L’asfalto viene bagnato dalla pioggia

IMPERFETTO

  • I suoi contemporanei soprannominavano Lorenzo de’ Medici “il Magnifico”
    Passivo 🡒 Lorenzo de’ Medici veniva soprannominato “il Magnifico” dai suoi contemporanei
  • Gli studenti aspettavano i risultati dell’esame
    Passivo 🡒 I risultati dell’esame venivano attesi dagli studenti
  • La presenza del direttore intimoriva Claudia
    Passivo 🡒 Claudia veniva intimorita dalla presenza del direttore

FUTURO SEMPLICE

  • Zubin Mehta dirigerà il prossimo concerto.
    Passivo 🡒 Il prossimo concerto verrà diretto da Zubin Mehta
  • Le lacrime di Paolo non commuoveranno nessuno
    Passivo 🡒 Nessuno verrà commosso dalle lacrime di Paolo
  • Il professore preparerà il compito in classe
    Passivo 🡒 Il compito in classe verrà preparato dal professore

La forma passiva con il verbo andare

La costruzione si forma con il verbo andare + participio passato e ha un significato specifico di obbligo o necessità:

  • A che ora vanno portati i ragazzi alla partita? (= devono essere portati)
  • Questo film va visto (= deve essere visto)
  • Il biglietto va timbrato prima di salire sul treno (= deve essere timbrato)

Questa formula può essere utilizzata solo con i verbi semplici.

PRESENTE

  • Il libro va studiato per l’esame.
    Passivo 🡒 Il registro delle presenze va aggiornato ogni giorno.

CONDIZIONALE SEMPLICE

  • Andrebbe fatto un corso di aggiornamento per gli impiegati.
    Passivo 🡒 In comune andrebbe assunta un’altra segretaria.

Con questa formula, la persona o l’oggetto che compie l’azione può essere precedut9o dalla preposizione da:

  • Tutti dovrebbero fare la raccolta differenziata.
    Passivo 🡒 La raccolta differenziata andrebbe fatta da tutti.

Il si passivante

La formula è:

si + terza persona singolare o plurale del verbo

La frase ha un significato generale (le persone, qualcuno, tutti)

  • In Italia a Natale si mangia il panettone.
  • In Italia si mangiano gli spaghetti.
  • Internet si usa spesso per lavoro.
  • Si spendono molti soldi per Natale.

Presta attenzione: se il soggetto passivo è singolare, il verbo deve essere coniugato necessariamente in terza persona singolare; se il soggetto passivo è plurale, il verbo deve essere coniugato in terza persona plurale.

  • La medicina si prende dopo i pasti.
  • Le medicine si prendono dopo i pasti.
  • Il regalo si apre il giorno del compleanno.
  • I regali si aprono il giorno del compleanno.

Questa costruzione può essere utilizzata con tutti i verbi, sia semplici che composti. Se si usa con i verbi composti, il verbo essere deve essere sempre utilizzato come ausilare:

  • Quando si sarà capito come il direttore vuole organizzare la riunione, potremo scrivere il programma.

Con questa costruzione, la persona o la cosa che compie l’azione non è menzionato.

  • Forma attiva: Marco saluta Claudia.
    Forma passiva corretta: Claudia è salutata da Marco.
    Errore:  Claudia si bacia da Marco.
  • Forma attiva: La mamma bacia il papà.
    Forma passiva corretta: Il papà è baciato dalla mamma.
    Errore: Il papà si bacia dalla mamma.

Le costruzioni seguenti attribuiscono alle frasi un significato impersonale: si utilizzano spesso per annunci commerciali, aggiungendo si alla fine del verbo:

  • Vendesi auto usata (si vende)
  • Affittasi appartamento in centro (si affitta)

La forma passiva dei verbi modali

Con i verbi modali dovere, potere, volere, si utilizza questa formula:

essere + participio passato

PRESENTE CON “POTERE”

Attivo: I residenti possono usare il parcheggio.
Passivo: Il parcheggio può essere usato dai residenti.

Attivo: Gli studenti possono ritirare i diplomi in segreteria.
Passivo: I diplomi possono essere ritirati in segreteria.

PRESENTE CON “DOVERE”

Quando dovere esprime una richiesta o un bisogno, nella forma passiva si può usare anche il verbo andare: 

Attivo: Il bambino deve prendere la medicina alla stessa ora.
Passivo: La medicina deve essere presa alla stessa ora / La medicina va presa alla stessa ora.

Attivo: Tutti devono pagare le tasse.
Passivo: Le tasse devono essere pagate da tutti / Le tasse vanno pagate.

Back to top